Mum Loading

School Corner

Studiare a colori!

15/10/2019

“Si sottolinea cosi”: ecco i consigli utili per stimolare l’autonomia nello studio della nostra school coach!

Righe gialle fluo, parole ricoperte di pennarello quasi a caso, sottolineature infinite e senza criterio.

Quante volte, mamme, vi è capitato di imbattervi nei libri di vostro figlio e di vedere le pagine da studiare pasticciate? I nostri piccoli sanno di dover sottolineare le “cose importanti”, molto spesso lo fanno anche a scuola con le maestre, ma, il più delle volte, non riescono a distinguere con facilità le informazioni principali dalle secondarie. E quindi, si perdono! Leggono, colorano alcune righe isolate, oppure, presi dall’ansia di lasciare indietro qualcosa di necessario, nel dubbio, imbrattano le pagine completamente.

Cosa c’è di sbagliato in questo metodo?

Innanzitutto che non è un metodo! Selezionare alcune frasi di testo, senza un criterio preciso non serve a nulla. E’ vero, l’utilizzo dei colori è fondamentale per dare alla nostra mente una visione dei concetti; :sicuramente quando la maestra farà le domande, il bambino si ricorderà delle parti evidenziate in giallo o in verde, ma non le saprà distinguere! Questo succede perché l’occhio della memoria, davanti a una schermaglia di parole tutte uguali, avrà moltissima difficoltà a scovare lì in mezzo le risposte a quello che gli è stato chiesto.

E poi, i colori fluorescenti sono estremamente artificiali, non esistono in natura. Avete mai colto un fiore o una pianta giallo fluo? L’uso eccessivo degli evidenziatori provoca un affaticamento della vista, rovina le pagine lucide dei libri e non si possono cancellare. Io ve ne sconsiglio vivamente l’uso. Se potete, fateli sparire dagli astucci dei vostri bambini!

Si sottolinea così!

Le sottolineature dovrebbero essere fatte invece con colori più naturali e, soprattutto con un criterio metodologico chiaro.

In realtà, se ci pensiamo, non ci sono mai porzioni di testo da eliminare completamente, perché, anche quelle che sembrano più insignificanti, concorrono a fornirci il senso globale di quello che leggiamo.

Per questo, è fondamentale far capire ai bambini che non ci sono informazioni importanti e altre da ignorare completamente, ma che occorre partire dal nocciolo del testo e poi, passo dopo passo, riordinare le nozioni che lo compongono. In che modo?

Per aiutarvi in questo difficile compito, perché i bambini sappiano da soli cogliere i concetti chiave di un paragrafo, ho creato la ruota arcobaleno della conoscenza.

La ruota arcobaleno: imparare a studiare a colori

La ruota mostra ai bambini  l’importanza di partire da un nucleo centrale che corrisponde al colore rosso: rosso perché è la tinta portante, rosso come il cuore di ciò che devono apprendere. Il rosso corrisponde alla domanda: Chi- Che cosa? Quando leggo una frase, infatti, la prima cosa che devo cogliere per comprenderla è, appunto, chi compie quella determinata azione, chi è il protagonista di quella storia. Dopo averlo individuato, con la matita colorata, farò un cerchio rosso, attorno alla parola che risponde alla prima domanda chiave.

La ruota prosegue poi con diversi cerchi colorati (che seguono appunto le tinte dell’arcobaleno), ognuno caratterizzato da una domanda, fino ad arrivare all’indaco e al violetto, che ci allontano dal nucleo principale del testo.

I bambini dovranno riempire la loro pagina di diversi cerchi colorati, attorno alle parole che rispondono alle domande fondamentali rappresentate con la ruota. Questo metodo è molto utile anche per i bambini che hanno difficoltà nel rimanere concentrati, perché è una strategia attiva: si tratta di andare a caccia delle informazioni, non di subire passivamente il testo, con la tradizionale lettura.

Colore dopo colore,  i nostri bambini diventano i veri attori del significato del paragrafo, perché lo costruiscono loro. Ciò renderà molto più facile anche memorizzare il testo e spiegarlo.

L’importanza dei colori

La diversa gamma dei colori arcobaleno ha anche la funzione di dare movimento alle frasi:  è come se la nostra mente andasse a passeggio tra i concetti!  Vedere un testo colorato in questo modo, è completamente diverso rispetto alla macchia fluorescente degli evidenziatori e consente di creare una gerarchia delle informazioni.

Fateci caso mums: quando chiediamo ai bambini che cosa li annoia dello studio, di solito rispondono che è quella porzione di tempo ( a volte lunghissima!) in cui devono leggere e sottolineare. Sì, perché sanno benissimo che, arrivati in fondo alla pagina, dopo aver letto tutto, molte volte ricordano davvero poco: perché leggono troppo lentamente, o troppo velocemente, oppure si distraggono subito.

Alcuni invece hanno la difficoltà di comprendere i concetti astratti e il lessico specifico delle varie materie: pensiamo, ad esempio, alle parole “economia”, “società”, “politica”, “legge”, “impero” ecc…Quale bambino della scuola primaria padroneggia questi termini come fa invece con “tavolo”, “scuola”, “jeans”? Si tratta di parole che sono praticamente vuote per loro e che necessitano di essere tradotte in modi più semplici.

L’uso della ruota, con i colori e le domande che la compongono, è finalizzata a questo: a dare un’immagine concreta, un’azione, una causa, degli effetti e un tempo a ciò che viene letto. Quando i bambini si accorgeranno che riescono a comprendere questi concetti chiave, proveranno un senso di gratificazione importante e tutte quelle parole che, prima sembravano lontane, diverranno concetti “amici”.

Se il bambino comprende davvero quello che leggoe, può dialogare con quella materia e sentirsi parte di un mondo che è anche suo. Significa per lui riuscire a familiarizzare con una dimensione nuova che non è  non è lì per metterlo alla prova o giudicarlo,  ma perché possa rapportarlo al sapere con occhi nuovi, curiosi ed entusiasti. 

 

Dott.ssa Veronica Leardini, school coach.

Dopo gli studi in PNL (programmazione neuro-linguistica) e sulle tecniche di memoria, apprendimento, lettura rapida, Veronica dà il via a un progetto, A scuola con a.m.o.r.e. per aiutare gli studenti di tutte le età ad affrontare le sfide scolastiche con successo. La sua mission è insegnare ai bambini e ai ragazzi un metodo di studio efficace, perché possano acquisire le giuste strategie e vivere con  gioia il percorso scolastico.

Sito internet: www.ascuolaconamore.it

 

Top