Mum Loading

Mum's Life

Siamo Mum! Mamme Ufficialmente Malmesse … e pure equilibriste! Ma è davvero cosi?

08/06/2020

La scuola è finita, ma non l’incubo della Didattica a Distanza. Ci avete fatto caso che DAD, in inglese, significa papà? Bisognerebbe invece chiamarla … MUM!

Mamme Ufficialmente Malmesse, ecco come ci definisce un articolo pubblicato sul Corriere della Sera. Donne e madri, unico vero pilastro della vita scolastica e familiare di questo periodo. Vi riconoscete in questa definizione, vi sentite così? Malmesse?

E’ stato indubbiamente un periodo duro, e l’incertezza di quello che ci aspetterà – o meglio – attenderà i nostri bambini, non è d’aiuto. Insomma, non sarà proprio un’estate all’insegna della spensieratezza.

“Sentiamo parlare di plexiglass, orari flessibili, classi ridotte. Una cosa è certa: siamo stati i primi a chiudere, saremo gli ultimi a riaprire. Si può dire? Per le famiglie con bambini qualcosa di più si sarebbe dovuto fare. Non si capisce perché i bimbi possano trovarsi nei parchi, nei centri estivi, presto sulle spiagge. A scuola, no.”

Insomma, l’Italia non è un paese per famiglie. Ce lo siamo dette molte volte. E c’è un recente rapporto pubblicato da Save The Children che si intitola: “Le equilibriste: la maternità in Italia nel 2020”.

 

“Sempre più difficile essere mamme in Italia, anche in epoca Covid-19. Madre e neo madri dimenticate dal dl Rilancio. Il carico di cura nelle famiglie più a rischio povertà è sulle spalle delle donne, senza il supporto degli uomini: oltre la metà è da sola a occuparsi dei figli (51,7%) e a fare la spesa (50,3%), inoltre pulire la casa e lavare i vestiti (l’80,2%) e cucinare (70,5%) resta un “compito” quasi esclusivamente femminile. Si stima che 70 mila donne abbiano dato alla luce un figlio in questi mesi, spesso senza informazioni chiare sulla trasmissione del virus, i pericoli del contagio per i neonati o l’allattamento”. Si legge su Corriere. It

Insomma siamo “ufficialmente malmesse” e pure “equilibriste” – che non si capisce bene se è un plauso alla nostra indiscussa capacità ad essere multi-tasking  oppure una definizione colorata per descrivere i disagi di noi mamme costrette, nel 2020, ancora a scegliere tra lavoro o figli, tra casa e tutto il resto e in lotta continua per la parità dei sessi, arrabbiate perché la vignetta dell’App Immuni ci ritrae con in braccio un figlio anziché davanti al pc (leggi la notizia).

 

E’ davvero così che ci sentiamo? Cosa vogliamo?

 

 

Melissa Ceccon

Mamma di due, moglie di uno, giornalista e autrice del blog Mamma Che Ansia

Vive e lavora nella verdeggiante Brianza, sempre pronta a scrivere e raccontare le storie più interessanti per le mums.

Su Instagram il suo dietro le quinte tra vita zen e ironia.

 

Top