Food

Un piatto che sa di mare: il polpo e patate con contorno di insalata di radicchio

08/04/2021

Con la primavera vien voglia di portare a tavola cibi leggeri e colorati? Eccoci pronte, con un grande classico della bella stagione: nutriente ma sfizioso perfetto per un pranzo light. A chi piace? 

È Primavera, sinonimo di “cambio armadio” e “cambio menù”. La stagione della rinascita è cominciata e si avverte quel desiderio di piatti consumati sulle terrazze dei ristoranti in riva al mare (prima che la pandemia ci costringesse ai tanti sacrifici che conosciamo bene), i ricordi del profumo pungente di pesce proveniente dalle bancarelle del pesce diventa quasi gradevole. Insomma, abbiamo voglia di piatti che ci ricordano le vacanze sotto al sole!

Ricordo ancora quando la scorsa estate, mia figlia Ludovica- 5 anni-, scatenò grandi risate tra i presenti durante una cena al ristorante: dopo aver terminato bel piatto di spaghetti alle vongole, all’arrivo del cameriere mi guardò e disse: “Mamma, io come secondo prendo polipo e patate!”. Un aneddoto che racconto spesso incredula sia per la richiesta “sconsiderata” (per la serie: Ma hai ancora fame??!!!) sia perché una bambina di quell’età che spazia dalle vongole al polpo nel giro di 20 minuti, non potrebbe che essere mia figlia…

A tal proposito, non potevo che notare la new entry nel Meal Plan di Aprile: polpo e patate con insalata di radicchio. Si tratta della cena del venerdì della settimana 3, ma per esservi d’aiuto ho giocato d’anticipo!

 

POLPO E PATATE CON INSALATA DI RADICCHIO

La spesa per 2 persone:

  • 1 ceppo di radicchio lungo

  • 650 g di polpo eviscerato

  • 400g di patate (scegliete patate di ugual grandezza)

  • 1 mazzetto di prezzemolo

  • sale qb

  • Pepe qb

  • Olio evo

 

Come preparare un polpo tenero

 

  • Nel caso avessimo comprato un polpo intero: laviamo il polpo sotto l’acqua corrente, con un coltello dovremo eliminare gli occhi e con le dita cerchiamo di eliminare il becco o dente.

  • Prendiamo una pentola capiente, riempiamo d’acqua oltre la metà e saliamo leggermente.

  • Portiamo la pentola sul fuoco e riscaldiamo l’acqua fino a raggiungere il bollore.

  • Prendiamo il polpo dalla testa e immergiamolo su e giù nell’acqua bollente per 4 volte  facendo arricciare i tentacoli. Abbassiamo la fiamma.

  • Immergiamo tutto quanto e lasciamo cuocere il polpo a fiamma molto bassa (mantenendo la temperatura raggiunta inizialmente) per 20 minuti (25 minuti per ogni kg di polpo).

  • Raggiunti i 20 minuti, lasciamolo riposare nella sua acqua di cottura per altri 40 minuti coprendolo con un coperchio. Per controllarne la cottura infilziamo con una forchetta tra i tentacoli e la testa. Se la forchetta entra facilmente, il polpo è cotto.

  • Ultimata la cottura, se risulta eccessiva e fastidiosa al palato, rimuoviamo la pellicina scura che riveste i tentacoli e tagliamo a dadini.

  • Aggiungiamo le patate lesse (vedi ricetta sotto) e condiamo con il prezzemolo sminuzzato finemente, olio evo e sale. 

 

Non adatto ai bambini, ma per chi lo desiderasse si può pensare aggiungere un po’ di aglio tritato e una spolverata di pepe bianco.

Vi ricordate il trucchetto dei tappi di sughero nell’acqua di cottura per ottenere un polpo tenero? Per me, pura leggenda, ma tentar non nuoce.

 

Come lessare le patate

 

  • Riempiamo d’acqua una pentola dai bordi alti.

  • Scegliamo patate di uguali dimensioni per assicurarci che cuociano uniformemente.

  • Accendiamo il fuoco e, prima che l’acqua prenda bollore, immergiamo le patate prima lavate sotto l’acqua corrente.

  • Assicuriamoci che le patate vengano coperte dall’acqua, portiamo a bollore e da quel momento cuociamo 25/30 minuti.

  • Verso la scadenza del tempo, controlliamo il livello di cottura di tanto in tanto con i rebbi della forchetta.

  • Una volta raffreddate, rimuoviamo la buccia e tagliamo a cubetti delle stessa dimensione dei quadrati del polpo.

 

Sentite anche voi il rumore delle onde del mare mums?

 

Camilla, architetto e foodstylist.

Mamma di Ludovica, adora cucinare. Ama l’arte e la fotografia.  | Per passione e per lavoro, cura e compone set fotografici food.

 

Top

Segnala un’attività

    Do il consenso ai fini commerciali.
    Ho letto la normativa sulla privacy