Food

L’importanza di un menù settimanale: arrivano i meal plan di Mumadvisor

29/12/2020

Grazie alla collaborazione con la dietista e nutrizionista Gaia Gagliardi, abbiamo realizzato per voi dei menù mensili da scaricare, adatti a tutta la famiglia. Si parte da gennaio! Ma perché sono così importanti? Ve lo spieghiamo subito

 Ci siamo.

sveglia ore 6:30

colazione ai bambini

lavoro

pranzo – non veloce – velocissimo!

lavoro

tempo dedicato ai bambini- palestra- impegni vari

ore 7.30: “cavolo” la cena (devo ancora prep!ararla) “ma cosa cucino?”

Momento panico!

L’importanza di avere un menù settimanale in famiglia

La vita frenetica di tutti i giorni, specialmente per le mamme, ci porta a mettere in secondo piano il “cosa cucino per cena” spesso arrivando con l’acqua alla gola preparando qualcosa di veloce, spesso ciò che piace di più ai bambini per evitare polemiche o, in alternativa: “stasera pizza?” “ordiniamo qualcosa da asporto?” ma alla lunga questo comportamento potrebbe avere ripercussioni sulla nostra salute.

Il menù settimanale, potrà aiutare ad eliminare il tormento di ogni sera: “cosa cucino?”

Cosa è il menù settimanale

Consiste nel programmare in anticipo i pasti della settimana, questi possono essere i pasti principali come il pranzo e la cena o solamente la cena, se pranziamo fuori. Potremmo pianificare anche la colazione e gli spuntini ma spesso sono variabili.

Il menù settimanale dovrà rispettare le abitudini e i gusti della famiglia, è importante confrontarlo anche con il menù della scuola dei più piccoli e/o con il menù della mensa lavorativa, è soprattutto in questo caso che la dietista diventa fondamentale.

Per chi ha bambini, ma anche per noi adulti, sarebbe utile e costruttivo inserire ogni settimana un sapore o un piatto nuovo, magari può piacere cosi tanto da inserirlo nella routine del menù settimanale.

È fondamentale seguire il tutto con la dovuta elasticità e quindi,  apportare le eventuali modifiche, perché questo strumento deve essere un aiuto e non un pensiero in più.

Perchè pianificare il menù settimanale

  • Ottiminizzare i tempi e migliorare la salute: La pianificazione dei pasti potrebbe essere un potenziale strumento per compensare la scarsità di tempo e quindi incoraggiare la preparazione dei pasti a casa, che è stata collegata a una migliore qualità della dieta ed evitare lo stress di ogni sera del  “cosa cucino?”. In più, avendo già una linea guida, molte preparazioni possono essere anticipate il giorno prima, facendo si che serva solo l’assemblamento del piatto o poco altro.

  • Variare l’alimentazione:  la difficolta di organizzazione con la spesa e la preparazione dei pasti comporta il rischio di consumare sempre le stesse “tre cose” . Pianificare ci aiuta, imparando a variare magari seguendo le frequenze settimanali dei secondi piatti indicate dalle linee guida italiane (sono un documento gratuito- disponibile a tutti, riflettono i fabbisogni della popolazione in generale e non condizioni patologiche specifiche)

     

 

  • Ridurre gli sprechi e le spese, quindi far felici il nostro portafoglio. Una ricerca condotta dall’Università di Bologna in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente nel progetto “reduce”, ha stimato che in media ogni italiano spreca 700gr di cibo alla settimana che corrispondono a circa 3,76 euro/settimana tradotti in 196euro all’anno. Pianificare, ad esempio fare un’attenta lista della spesa che rifletta il menù settimanale, ci aiuterebbe a ridurre gli sprechi di cibo. Per far si che il nostro portafoglio sorrida, altra strategia è quella di approfittare, magari, dell’accensione del forno, per cucinare più cibi per vari pasti o, ad esempio, cucinare in una volta più cereali per più pasti che possono essere conservati in frigorifero per 3-4 giorni e condirli in modi differenti. Inoltre, conoscendo la stagionalità degli alimenti, si può abbattere il costo di frutta e verdura.

 

La nostra dietista vi aiuta a pianificare il vostro menù

Andando verso la pratica, per pianificare un menù settimanale in autonomia, è necessario munirsi di carta, penna e un layout su cui lavorare. Oltre a prendere come riferimento la piramide alimentare e le linee guida per una sana alimentazione , è utile fare un’attenta lista della spesa e pensare a ricette semplici, con cui ci abbiamo più dimestichezza, da inserire come base nel menù. È preferibile prediligere alimenti di stagione, anche per il costo e utilizzare il weekend o i momenti di ritaglio per avvantaggiarsi nelle preparazioni. Se dovesse mancare un’ingrediente, lo sostituisco. Se i piani dovessero cambiare, il menù si modifica senza problemi. È un’aiuto, non un pensiero aggiuntivo.

Per iniziare, ho facilitato le cose, proponendovi un menù su 4 settimane, da poter prendere come spunto, come linea guida, per iniziare magari a pianificare un menù settimanale anche in futuro.

 

Che ne dite di seguirlo insieme?

 

Scarica subito il tuo menù da appendere in cucina.

Clicca sulla foto!

 

 

 

Gaia Gagliardi

Dietista e Nutrizionista  del Centro Medico Unisalus | IG  |

Top

Segnala un’attività

    Do il consenso ai fini commerciali.
    Ho letto la normativa sulla privacy