Mum Loading

Books

Goro Goro: le fiabe per bambini che arrivano dalle antiche tradizioni giapponesi

14/03/2021

Tante fiabe che si intrecciano alle antiche tradizioni giapponesi, parlandoci in un modo poetico e originale dei temi più importanti: il valore dell’amicizia e del coraggio, la ricerca della felicità, il potere delle storie, ma soprattutto l’importanza di non arrendersi mai.

L’anno scorso,  proprio in questo periodo, eravamo in lockdown totale. Quest’anno, da lunedì, saremo in zona rossa e lo saremo fino a Pasqua. E ancora una volta, il tempo rallenta, per alcuni si ferma di nuovo del tutto. L’anno scorso, forse un po’ inconsapevoli di quello che sarebbe stato, si usava spesso l’eufemismo “tempo straordinario” per definire quel tempo – lunghissimo – in più, che tutti noi avevamo a disposizione costretti a casa dalla pandemia.

Oggi vi voglio proporre un altro termine, che io amo moltissimo essendo una grande appassionata del Giappone, della sua cultura e della sua lingua: goro goro. Un’espressione che vorrei poter usare il più possibile durante questa “pausa rossa” di inizio primavera.

Cosa vuol dire Goro Goro? Be’, è un’espressione che ha molti significati. Significa rotolare, ma è anche l’onomatopea che ricorda il gorgoglio di uno stomaco affamato, le fusa di un gatto oppure il rombo di un tuono. Ma il significato, per me più bello e che si adatta bene al periodo che stiamo vivendo, è: non far niente, rilassarsi. Goro Goro indica, infatti, il tempo passato a godersi il tempo che passa senza per forza di cose riempirlo di impegni o cose da fare.

Una pratica all’apparenza semplicissima ma che in realtà risulta sempre complicata: chi di voi riesce a fare Goro Goro, davvero? Tra smartworking e didattica a distanza sembra che, anziché avere più tempo a disposizione, il tempo si sia drasticamente ridotto … ma ci voglio provare. Voglio impegnarmi a fare Goro Goro … e voi?

LE FIABE PER BAMBINI DALL’ANTICA TRADIZIONE GIAPPONESE.

Metà della mia anima è custodita in Giappone, una Terra che io amo moltissimo per tanti motivi e che ho conosciuto prima attraverso i racconti di una cara amica – Tatako – che me ne ha fatto innamorare e poi esplorandola, in lungo e in largo, qualche anno fa durante un viaggio. Questo libro, “Goro Goro” (ed.Salani), è semplice e profondo esattamente come solo il Giappone sa essere, l’unico posto al mondo dove il passato e il futuro sono una cosa sola.

Purtroppo non ero ancora mamma quando sono stata in Giappone. Dico purtroppo perché mi piacerebbe davvero tanto che i miei figli visitassero questo Paese, secondo me straordinario in ogni suo aspetto. Ecco perché sono stata particolarmente felice quando tra le mani mi è capitato questo libro incantevole, Goro Goro: un libro che, non sono è bello da leggere perché al suo interno si trovano fiabe per bambini che si ispirano alle antiche tradizioni giapponese grazie alle parole di Laura Imai Messina, ma anche da guardare grazie alle stupende illustrazioni di Philip Giordano che davvero hanno reso unico un libro già bello.

Aprendo questo libro, verrete catapultate nelle terre di Yamato dove incontrerete tanti personaggi, ognuno particolare a modo suo: ci saranno sognatori, che nonostante  dovranno affrontare mille difficoltà e perderanno pezzi per strada (letteralmente!) continueranno il loro viaggio per raggiungere il loro sogno; volpi abili e astute, in grado di trasformarsi, ma che – come tutti – hanno comunque paura delle imprevedibilità del mondo. E poi, orchi, principesse, magia …. Il tutto corredato da disegni bellissimi, che sembrano quasi degli origami dipinti su foglio…. Profondità e delicatezza, tutto in un unico libro, che racchiude davvero tutto ciò che il Giappone è (secondo me, ndr.)

Prima di lasciarvi con la trama, che so vi conquisterà all’istante, chiudo questo mio articolo con le parole di ringraziamento dell’autrice che racchiudono, a mio avviso – tutto l’amore che c’è custodito tra queste pagine:

“Sono una madre, ma non sono brava. Anche per una madre imperfetta, tuttavia, c’è un tempo buono in cui poter condividere la parte migliore di sé. E’ il tempo della fiaba per me. Io, Sosuke ed Emilio nel futon, la torcia accesa che accendo in equilibrio sulla testa, l’oscurità e la parola che li conducono al sonno…”

Fidatevi mums, questo è un bel libro da tenere in casa.

 

 

Trama: Sai qual è il detto più celebre nelle terre di Yamato, un Paese davvero lontano lontano? Cadi sette volte, otto volte ti rialzi. Lo conosce bene Daruma, un bambino tondo e liscio come un’anguria che non si scoraggia mai e rotola in lungo e in largo alla ricerca di ciò che lo rende felice. Lo conoscono Momotaro, Urihime e Imotaro, amici inseparabili costretti ad affrontare i terribili Orchi Dentoni a colpi di frittelle, e pure il Bambino di Fango, che per realizzare i suoi sogni finisce per creare il Monte Fuji. Nelle terre di Yamato vivono tante creature straordinarie, ma ancora più straordinari sono i racconti che vi si narrano. Demoni capricciosi, principesse innamorate e volpi dagli starnuti potentissimi, in questo libro per tutta la famiglia Laura Imai Messina dà vita a tante fiabe che si intrecciano alle antiche tradizioni giapponesi, parlandoci in un modo poetico e originale dei temi più importanti: il valore dell’amicizia e del coraggio, la ricerca della felicità, il potere delle storie, ma soprattutto l’importanza di non arrendersi mai.

Età lettura: dai 9 anni

 

 

Melissa Ceccon

Responsabile editoriale – Mumadvisor

Top