Mum Loading

School Corner

Compiti delle vacanze di Natale: istruzioni per l’uso

19/12/2022

Il Natale è un momento di pausa dalle attività scolastiche, tuttavia i compiti delle vacanze possono far calare sui bambini un’ombra di “tristezza” e “disincanto”. Come trovare una giusta routine per aiutare i bambini a svolgere serenamente i compiti estivi?


Natale! Quanta magia! 

Per i bambini e le bambine questo è uno dei periodi più attesi: il calendario dell’ Avvento, le vacanze scolastiche, i risvegli senza impegni, i pranzi e le cene in famiglia, per non parlare dei regali da scartare…

A rompere questa perfezione ci sono loro: i compiti delle vacanze. Capaci in pochi istanti di trasformare un momento spensierato in panico e stress!

Che fatica! Sempre al centro di polemiche e discussioni sulla loro utilità e funzione, i compiti delle vacanze arrivano puntuali e la cosa migliore che possiamo fare è aiutare i nostri bambini a viverli serenamente, trovando la giusta motivazione (e gratificazione) per svolgerli in serenità… senza capricci.

 

Ecco alcuni consigli utili per organizzarli al meglio

 

CONSIGLIO NUMERO 1

I primi due giorni di vacanza niente compiti! La mente ha bisogno di staccare la spina dopo i primi intensi mesi scolastici. I bambini ringrazieranno e saranno più propensi a svolgerli quando sarà il momento.

 

CONSIGLIO NUMERO 2

Create un planner con i giorni di vacanza scolastica (una sorta di calendario ad hoc). Impostatelo cancellando dalla tabella i primi due giorni e tutti i giorni festivi: in quelle date non si faranno compiti. Ricordiamo l’importanza di dilatare i tempi, perché non siamo a scuola e in questi giorni il relax e il divertimento non devono mancare.

 

CONSIGLIO NUMERO 3

Distribuite in modo equilibrato i compiti assegnati dividendoli nei giorni di vacanza a disposizione. È importante non sovraccaricare i bambini proponendo i compiti tutti insieme “così non ci pensiamo più”… in questo modo non servirebbero a nulla. 

 

 

 

CONSIGLIO NUMERO 4

Stabilite un orario e un luogo dove i bambini e le bambine potranno svolgere i loro compiti. Un trucchetto per responsabilizzarli e far sentire meno “imposizione” il momento dei compiti è quello di offrire ai bambini un paio di opzioni tra cui scegliere. Partecipare a questa decisione contribuirà infatti a responsabilizzarli dei doveri scolastici.

 

CONSIGLIO NUMERO 5

Gratificate. Potete scegliere di farlo in molti modi diversi: attaccare degli stickers sulla casella del planner, proporre merende speciali, inventare attività divertenti… La “ricompensa” ha un potere grandissimo, rende sopportabili anche le attività più faticose… chissà perchè?

 

 

 

LEGGI ANCHE: Compiti a casa, istruzioni per l’uso: ecco cosa fare per non farsi mettere KO dai figli!

 

Ultima cosa: ricordiamoci di legittimare le loro emozioni! Non neghiamogli la fatica o il disappunto del doversi sedere a lavorare se li manifestano. È legittimo e se si sentiranno compresi saranno più propensi ad ascoltare i nostri consigli. La fermezza è sicuramente utile e funzionale, ma combinata con la giusta dose di dolcezza tutto funziona meglio.

 

D’altronde… con un poco di zucchero la pillola va giù!

 

D.ssa Ilenia Murdolo |consulente educativa@cuoreincartella

Vive in provincia di Bergamo con il marito, la figlia e la loro gatta Arya. Laureata in Scienze dell’educazione, ha lavorato come insegnante nella Scuola Primaria per vent’anni prima di decidere di cambiare direzione professionale per diventare consulente educativa. Lo scopo del suo lavoro è la promozione del benessere scolastico, in aula e in famiglia.

 

Top