Mum Loading

Design & Craft

Come scegliere il colore per la cameretta dei tuoi figli

31/05/2021

Il colore gioca un ruolo importante nella crescita e nello sviluppo del bambino, ma come utilizzarlo in una stanza in cui si gioca, si studia e soprattutto si riposa? Su cosa occorre riflettere quando decidiamo di dipingere una parete o decorarla con wallpapers o stickers? O ancora, perché scegliere un colore dominante o una palette cromatica più ampia?

 

Per affrontare il tema del colore da utilizzare in una cameretta bisogna inizialmente stabilire cos’è per noi, ma soprattutto per il bambino o la bambina che vivrà la stanza.

Perché usiamo il colore? Che funzione vorremmo che svolga? Cosa pensiamo di ottenere?

Se per noi il colore è un semplice elemento decorativo, allora la scelta può basarsi meramente sul gusto personale, ma se tramite il colore vogliamo creare un ambiente che favorisca la crescita e lo sviluppo emotivo e percettivo dei nostri figli, allora dobbiamo tenere a mente 2 cose:

  1. Il bambino muta nel tempo la sua percezione visiva e quindi il suo modo di vedere e vivere il colore.

  2. Il colore svolge un ruolo cromoterapico e cromopsicologico

 

Il bambino e la percezione del colore: cosa sapere per decorare la nursery

L’idea che un bambino appena nato veda solo in bianco e nero, è stata superata da alcuni esperimenti recenti, che hanno dimostrato che possiede la percezione, seppur  limitata, di alcuni colori. Già a 2 mesi, un bambino è in grado di discriminare il rosso dal verde; a 3 – 4 mesi riconosce il blu e il giallo, purché siano di tonalità intensa; a 6 mesi, poi, la visione dei colori e l’acuità visiva sono paragonabili a quelle di un adulto. A quel punto si è sviluppato anche il coordinamento tra i due occhi, che consente la visione stereoscopica e la percezione della profondità, nonostante il sistema continui a migliorare, probabilmente fino ai dieci anni.

A cosa serve sapere questo?

Se stiamo pensando di dipingere o decorare le pareti o, ancora, scegliere gli arredi della nursery in cui il nuovo arrivato in famiglia dovrà dormire, nutrirsi e ritrovare quell’ambiente accogliente e protetto che ha dovuto abbandonare al momento della nascita, ricordiamoci che è consigliabile evitare colori forti o forti contrasti, macchie di grigio o di nero che attirerebbero in modo eccessivo l’attenzione del bebè ostacolandone il rilassamento. Occorre minimizzare le fonti di disturbo scegliendo tonalità pastello desaturate o bianchi cromatici come, ad esempio, quelle del corda o del pergamena.

Se si vuole evitare di ricorrere al rosa o all’azzurro, colori con cui la società ha tradizionalmente suddiviso i sessi, sarà perfetto ad esempio il lilla pallido, colore unisex e con un effetto calmante. Corallo, pesca, rosa sul soffitto daranno invece al bambino la sensazione di uno spazio sicuro e protetto. 

Nelle pareti visibili dalla culla, sono da preferire soluzioni cromatiche continue, senza interruzione di colore (niente strisce né righe, per intenderci); queste variazioni, infatti, possono essere avvertite come contrasti, rendendo più difficoltoso al piccolo addormentarsi.

I colori primari, le tonalità più vivaci e stimolanti potranno essere presenti, ma nei giochi e in elementi d’arredo morbidi nei materiali o nella forma: questo tipo di informazione infatti è utile come sollecitazione, ma va dosata per brevi momenti e va “nascosta/modificata” per avere un’atmosfera più riposante.
È importante concentrarsi, però, anche sul benessere della mamma; è lei che, nei primi mesi di vita del figlio, vivendoci in simbiosi, gli trasmette tutti gli stati d’animo. A tal riguardo, sono da evitare tonalità troppo invadenti, scure, persistenti ad alta saturazione; meglio prediligere, invece, gradazioni chiare possibilmente delle famiglie del verde salvia, dei carta da zucchero e del tortora. Questo tipo di nuance tranquillizzanti hanno la capacità di rallentare il battito cardiaco della mamma, così da predisporla a un approccio più calmo e sereno.

 

Cromoterapia e cromopsicologia in cameretta

A partire dai 3 anni i bambini mostrano la tendenza ad associare un particolare colore ad un’emozione.

colori brillanti riportano ad emozioni positive e i colori più scuri ad emozioni negative: il giallo viene spesso associato a volti sorridenti, mentre il blu a volti che esprimono tristezza.

L’idea che ogni gradazione possiede un significato ben preciso, influendo sullo stato d’animo e sul benessere individuale, è alla base dei principi della cromoterapia, come anche della cromopsicologia, disciplina che studia la reazione del comportamento umano in presenza dei colori e delle loro combinazioni.

Secondo numerose teorie i colori influenzano l’agire e il sentire umano, in particolare, alcuni processi cognitivi, soprattutto nei più piccoli.

Ecco perché decidere su quali nuance puntare per arredare la loro cameretta è un aspetto rilevante, a tutte le età:

  • il blu: migliora la creatività e stimola un ambiente fresco e rilassante. Ne basta poco: può avere infatti effetti depressivi, evocare sentimenti di tristezza;

  • il rosso: è il colore della passione e dei sentimenti forti della minaccia, dell’amore o dell’eccesso di stimolo. In cameretta, se proprio si ha la passione per questo colore, meglio limitarsi a piccole macchie, possibilmente distanti dal letto.

  • il giallo: per i bambini, e non solo, è il colore della felicità e del sole; stimola l’intelligenza, ma non deve essere in eccesso, per non stressare e ipersollecitare;

  • il verde: è il colore dell’abbondanza; perfetto per rilassarsi, aiuta anche la salute;

  • il rosa: calmante, può abbassare la frequenza cardiaca;

  • il viola: sollecita la riflessione, il pensiero creativo e la logica;

  • l’arancio farebbe aumentare il pensiero critico e la memoria e, in generale, le prestazioni scolastiche; adatto quindi per la zona dedicata allo studio.

 

Con i bambini i colori sono estremamente efficaci (loro hanno meno condizionamenti degli adulti, il loro corpo energetico ha subito meno sollecitazioni disarmoniche dall’ambiente, alimentazione errata, farmaci, false credenze, etc); utilizzare efficacemente il colore con loro permette quindi di ottenere risultati concreti: 

  • miglioramento dello sviluppo emotivo,

  • diminuzione di tensioni e aggressività, 

  • facilitazione e miglioramento del sonno,

  • diminuzione del rumore “prodotto” ,

  • migliore organizzazione del pensiero cognitivo. 

Man mano che crescono, si può aumentare la quantità di luce e di forza dei colori , anche se i bambini più sensibili o timidi si troveranno più a loro agio con nuance più sfumate.

 

Abbinamento fra colori

La cameretta è il regno del bambino, è lì che gioca, disegna, fa i compiti, legge, trascorre del tempo con i genitori, ci dorme. Ognuna di queste azioni necessita di differenti approcci e il colore ci può venire in aiuto.

In che modo?

Utilizzando diverse tonalità sia su pareti che mobili, è possibile creare molti microambienti, tanti quante sono le attività che il bambino lì deve svolgere, avendo tutto alla sua portata. Naturalmente è sempre opportuno stimolare, ma senza eccedere.

Le sfumature di azzurro facilitano l’apprendimento e possono essere abbinati a toni crema, con quantità di arancio-giallo, che creano anche la giusta energia di stimolazione del pensiero (attenzione ad evitare le sfumature “acide” che possono causare mal di testa e irritabilità). 

Rosso corallo, azzurro-viola sono perfetti per le aree dedicate alla socialità: creano ispirazione e gioco immaginativo; il viola, in particolare, sollecita entrambi gli emisferi cerebrali: piccole dosi di questo colore migliorano e rendono più originali i lavori prodotti dai piccoli.


Il consiglio in più

Ai bambini piacciono le novità, soprattutto per quanto riguarda i colori della cameretta. Invece di ridipingere tutto o cambiare i mobili, si può provare ad utilizzare la carta da parati, gli adesivi murali e i quadri. Sono fantastici per trasformare una semplice stanza in qualcosa di magico. 

E quando le ombre della sera avvolgono la stanza una lampada led con la regolazione di colore permetterà al bambino di sperimentare l’immersione nel colore godendone dei benefici.

Care mums, finalmente anche Mumadvisor ha la sua vetrina Amazon dove troverete inseriti tutti i prodotti consigliati dalle nostre contributors: dal desing, al gioco passando anche per il beauty. Non ci facciamo mancare nulla!

Cliccando qui, troverete tutti i complementi d’arredo consigliati dalla nostra Interior Design Laura Venti.

Buono shopping, mums!

 

Laura Venti

Interior Designer | dal 2013, diventata mamma, ho sviluppato il mio interessi e i miei studi nel campo degli spazi dei bambini. Dal 2019 ne ho fatto il mio lavoro principale e con MiniLavDesign ho reso le competenze acquisite una realtà. Seguimi su IG

 

Top