Health

Bambini e apparecchio ortodontico: quali sono le domande e i dubbi più frequenti?

05/01/2021

La nostra dentista pediatrica risponde a tutte le domande e i dubbi dei genitori sul tema apparecchio e bambini: quando va messo? Fa male? Riuscirà a mangiare in modo corretto?

 A che età si mette l’apparecchio? Perché è necessario utilizzarlo quando i denti sono ancora tutti da latte? Per quanto tempo andrà portato? Come faccio a capire se è veramente necessario?

Gli farà male? Riuscirà a mangiare?  Si carieranno i denti?

Quando si parla di apparecchi ortodontici per bambini i dubbi dei genitori sono tantissimi, vediamo insieme di rispondere alle domande più frequenti.

quando mettere apparecchio ai bambini

Quello che si chiedono i genitori

Una delle prime domande che i genitori si fanno sull’apparecchio ortodontico riguarda in genere quale sia il momento ideale per metterlo e a quale età sia necessario portare i figli dal dentista.  La risposta è che non esiste un ‘età uguale per tutti per iniziare a portare l’apparecchio.

La prima visita da uno specialista in Ortodonzia, ovvero un dentista che si è successivamente specializzato solo sugli apparecchi ortodontici, deve essere fatta tra i 4 e i 5 anni.

Dalla prima visita lo specialista potrà subito dirvi se è presente un problema masticatorio, definito malocclusione, oppure no, e se è eventualmente necessario procedere con degli approfondimenti diagnostici.

Alcune malocclusioni infatti necessitano di un intervento precocissimo per poter esser corrette al meglio, altre invece sono già presenti in tenera età ma la loro correzione risulta ottimale più in là negli anni.

Conseguentemente ci saranno bambini che indosseranno l’apparecchio già a 5 anni, con i denti ancora tutti da latte, e altri che aspetteranno i 12 anni, quando i denti saranno tutti definitivi.

Perché l’apparecchio si utilizza nei denti da latte?

Quando si decide di mettere un apparecchio in un bimbo piccolo con i denti ancora tutti o per la maggior parte da latte, l’obiettivo non sarà quello di raddrizzare i denti, bensì quello di intercettare problematiche a livello osseo, che possono complicare il successivo sviluppo di tutto l’apparato masticatorio.

Spesso si trattata di apparecchi ortopedici che hanno la funzione di correggere la struttura scheletrica del cavo orale senza alcuna funzione sui denti.  Solo garantendo una struttura scheletrica armoniosa potremo infatti avere una corretta masticazione.

L’azione ortopedica della struttura ossea può essere eseguita solamente nei pazienti in crescita ed entro una certa età, oltre la quale non è più possibile modificarla se non con la chirurgia, ecco perché è così importante portare i bambini così precocemente da uno specialista.

visita dentistica bambini

Per quanto tempo vanno portati gli apparecchi?

Anche il tempo per cui andrà utilizzato l’apparecchio non è uguale per tutti e dipende dal tipo di malocclusione. Alcune problematiche si risolvono velocemente, altre necessitano di trattamenti che durano anni, altre poi intervallano fasi attive con l’apparecchio a fasi di attesa in cui il bambino rimane senza per un certa lasso di tempo.

Prima di iniziare il trattamento, grazie all’esecuzione del check up ortodontico, potrete comunque avere un’idea di massima di quanto durerà la terapia che vostro figlio dovrà per iniziare.

Come faccio a sapere se è effettivamente necessario l’apparecchio?

Un volta fatta la prima visita se il professionista riscontra una malocclusione e l’età è giusta per la correzione di quel tipo di problematica, verrà eseguito un approfondimento diagnostico, definito appunto check up ortodontico, che vi darà oltre alla durata del trattamento numerose informazioni utili.

Per esempio permetterà al clinico di fare una diagnosi definitiva e capire realmente il tipo e la gravità del problema.

In base a questo si deciderà se l’apparecchio è effettivamente necessario oppure no. Non è infatti sempre necessario intervenire, poiché alcune malocclusioni di lieve entità a volte possono risolversi spontaneamente.

E il dolore? L’apparecchio fa male?

Quando si spostano i denti un leggero iniziale indolenzimento è normale, non si tratterà mai di un dolore acuto, ma piuttosto leggero e diffuso, spesso distribuito su tutti i denti, che generalmente dura solo per i primi giorni dopo l’applicazione dell’apparecchio e   che può essere controllato con un blando analgesico, tra quelli che si usano normalmente nei bambini.

E per mangiare?

Potrebbero insorgere alcuni disagi legati all’indolenzimento iniziale oppure, con gli apparecchi che coprono il palato, dovuti al cibo che tende ad incastrarsi, ma che durano comunque solo pochi giorni.

In ogni caso non è necessario ricorrere ad una dieta liquida e il bambino potrà continuare a mangiare normalmente.

E le carie? L’apparecchio caria i denti?

Questa convinzione, diffusa tra alcuni genitori, nasce dal fatto che alcuni tipi di apparecchi, in particolare quelli fissi, rendono più difficile mantenere una buona igiene orale poiché il cibo tende ad incastrarsi nelle porzioni metalliche del dispositivo ortodontico.

L’apparecchio però di per se’ non provoca carie.

quando mettere apparecchio nei bambini

Con gli strumenti giusti e seguendo le indicazioni del vostro dentista, è assolutamente possibile mantenere un’igiene orale ottimale anche nei bambini più piccoli. Utilizzando sia gli spazzolini elettrici che manuali, è possibile infatti pulire i denti perfettamente e prevenire la carie.

Vuoi sapere come prevenire le carie? Ecco qui tutti i miei consigli.

Quando un genitore si trova d affrontare problematiche che riguardano la salute dei figli i dubbi possono essere davvero tanti.

Per quanto riguarda l’apparecchio ortodontico una visita precoce vi metterà al riparo da un ritardo diagnostico e, affidandovi a uno specialista in ortodonzia, potrete chiarire tutte le perplessità riguardo ai problemi della bocca di vostro figlio, cercando di farvi dare tutte le spiegazioni possibili circa la gravità del problema e l’effettiva necessità dell’apparecchio in modo da poter iniziare l’eventuale cura in serenità e con la massima chiarezza.

Ora non rimane altro che portare i vostri figli dal dentista e nel caso ci siano bambini che hanno paura il mese prossimo vi parlerò di come gestire il dentista senza paura e vivere le visite senza stress.

 

Dottoressa Barbara Motta

Dentista specialista in Ortodonzia.
Si occupa con passione di ortodonzia pediatrica, degli adulti ed estetica, anche attraverso la metodica con allineatori trasparenti. Lavora a Milano ed è mamma di Maria Sole e Leonardo. Tutti i suoi consigli li trovi anche sul suo profilo Instagram

 

 

 

 

 

 

Top

Segnala un’attività

    Do il consenso ai fini commerciali.
    Ho letto la normativa sulla privacy